• Category Archives: News

– Atlante degli Odonati di Puglia e Basilicata

Progetto
Atlante delle libellule di Puglia e Basilicata

Gli Odonati, più comunemente noti come libellule, appartengono ad un Ordine di Insetti molto antico; sono infatti noti reperti fossili risalenti al Carbonifero (ca. 280 milioni di anni fa) morfologicamente molto simili alle specie tutt’ora viventi. L’arcaicità di questo gruppo sistematico è ancora evidente in alcune caratteristiche comuni a tutte le specie tra le quali il ciclo biologico “anfibio” con uno stadio larvale prettamente acquatico, e uno stadio immaginale aereo.
Le libellule sono predatori, in ogni fase del ciclio vitale, e sono caratterizzati dall’avere 2 paia di ali ricche di venulazioni, sulle quali spesso si basa la classificazione dei tre sottordini viventi (Anysozygoptera, Zygoptera e Anysoptera). Questi sono suddivisi a loro volta in 25 Famiglie, delle quali una sola appartentente al sottordine più arcaico (Anysozygoptera), per un totale di circa 5000 specie, la maggior parte delle quali tipiche di ambienti tropicali. In Italia sono state segnalate circa 90 specie appartenenti a 10 famiglie (5 Zygoptera e 5 Anysoptera).
Gli Zigotteri o Damigelle, sono di piccole dimensioni, dall’aspetto esile e dal volo in genere poco potente, gli Anisotteri hanno dimensioni maggiori, sono ottimi e attivi volatori; i due Sottordini sono facilmente distinguibili inoltre dalla posizione delle ali in situazione di riposo, ripiegate a sul corpo negli zigotteri, paralle e disteste negli anisotteri.
Il termine “Libellula” ha origine controversa, secondo alcuni autori deriva da libellus, ovvero piccolo libro, che richiamerebbe l’abitudine degli zigotteri di ripiegare le ali a riposo, mentre secondo altri autori deriverebbe da libella (bilancia) in riferimento al dondolio delle ali degli anisotteri quando posati.
Da qualche anno l’Associazione “Sulle Orme di Argonauti” raccoglie dati sulla presenza di Libellule nei territori di Puglia e Basilicata; con l’aumentare delle segnalazioni ci si è accorti che anche per questi appariscenti animali le conoscenze nelle suddette Regioni sono lacunose e frammentarie. Nell’anno di pubblicazione della prima lista rossa IUCN (International Union for Conservation of Nature) delle Libellule d’Europa, e della nascita dell’associazione Italiana sullo studio e la conservazione degli Odonati (Odonata.it) si è quindi deciso di avviare un progetto mirato alla redazione di un Atlante di distribuzione delle Libellule nelle due Regioni.
Strumenti operativi di tale progetto sono il Forum dell’associazione (www.argonauti.org/forum) e il database online (www.bio-log.it) che permette l’achiviazione dei proprio avvistamenti con indicazioni geografiche. Il forum viene utilizzato principalmente come strumento di confronto, per avvistamenti dubbi o di non certa identificazione, i quali verranno poi riversati nel database online.
Si invitano tutti gli utenti del forum, i soci e chiunque abbia segnalazioni di libellule nei territori di
Puglia e Basilicata a collaborare al progetto inserendo i propri dati nel database. Si sottolinea che la “paternità” del dato resta univocamente del rilevatore, che autorizza l’Associazione per l’ utilizzo legato al suddetto progetto ma che mantiene univoca facoltà di utilizzo e visione.
I dati raccolti saranno presentati al 4° Convegno “le libellule in Italia” organizzato dall’associazione Odonata.it che si terrà dall’8 al 10 ottobre 2010 presso il Laboratorio di Educazione Ambientale la Finoria a Gavorrano (GR).

Testo di Fabio Mastropasqua

– Atlante degli Odonati della Liguria

Vi informiamo con piacere che è in corso di realizzazione un atlante provvisorio degli Odonati presenti in Liguria. Chiunque avesse il piacere  di contribuire  con i propri dati raccolti  del territorio  amministrativo ligure puo  contattare:

Dario Ottonello (dario.ottonello [at] studionatura.net)

Roberto Sindaco (rsindaco [at] gmail.com)

– Corso di dragonfly-watching

In occasione del 2010, Anno Internazionale della Biodiversità, il Museo di Storia Naturale  di Ferrara ha aperto le iscrizioni al CORSO DI DRAGONFLY-WATCHING, OSSERVAZIONE E CACCIA FOTOGRAFICA A LIBELLULE E DAMIGELLE.

Libellule e damigelle (“dragonflies” e “damselflies”) sono considerate ottimi indicatrici dello stato di conservazione della biodiversità. Osservare e riconoscere le specie in volo non è facilissimo, ma non è neppure un’impresa impossibile. Il museo organizza perciò un corso rivolto a tutti gli interessati, della durata di un solo giorno, per avvicinare la cittadinanza alla conoscenza di questi insetti affascinanti, fragili eppure potentissimi volatori che  colonizzarono la Terra già molto prima dell’avvento dell’Uomo.

Il primo incontro si terrà sabato 19 giugno nelle zone dell’Alto ferrarese. Un secondo appuntamento è previsto per  sabato 10 luglio (o, in caso di maltempo, sabato 17) sui Lidi di Comacchio. La quota di partecipazione è di 8,00 per gli adulti, gratuita per i minorenni che possono partecipare solo se accompagnati da adulti.

Iscrizioni e informazioni presso Associazione Lestes, 347.4585280.

Altre notizie ed aggiornamenti sul sito del Museo di Storia Naturale di Ferrara.

Programma di sabato 19 giugno:
Ore 9.00:  Incontro presso la scuola elementare di Porporana (FE).
– Breve introduzione sulle libellule e il dragonflywatching.
– Escursione didattica sulle rive del Po nei pressi del Bosco di Porporana.

Pranzo al sacco

Successivo spostamento verso alcune zone umide della campagna ferrarese  (distanza da Porporana circa 11 Km stradali).

Termine previsto per le ore 17.30.

Costo di partecipazione: euro 8,00, gratuito per i minorenni accompagnati da adulti.

Il pranzo e gli spostamenti sono a cura dei partecipanti. Il corso verrà attivato solo se si raggiungerà il numero minimo di 10 iscritti. Verranno  ammessi al massimo 20 partecipanti.

In collaborazione con Servizio Ambiente del Comune di Ferrara, Associazione Lestes e Dario Valentini, con il patrocinio di “Odonata.it, Società per lo studio e la conservazione delle libellule”.

Scarica la locandina.

– II annuncio Convegno 2010

1° Convegno ODONATA.IT
(4° Convegno le libellule in Italia)
8-10 ottobre 2010
Laboratorio di Educazione Ambientale la Finoria (LEA)
Gavorrano (GR)

L’interesse per le libellule sta crescendo notevolmente in Italia, così come il numero di appassionati per questi meravigliosi insetti. Dopo l’organizzazione a partire dal 2006, dei convegni annuali “Le libellule in Italia”, siamo orgogliosi di annunciare il primo convegno della Società ODONATA.IT, che si terrà a Gavorrano (GR) presso il L.E.A. la Finoria dal 8 al 10 ottobre 2010.

Iscrizione al convegno:

Studenti e soci € 15 – a persona
Altri € 25 – a persona

Le quote di iscrizione verranno versate al momento della registrazione.

Scarica il modulo di iscrizione

Programma preliminare:

Venerdì 8/10:  registrazione dalle ore 18:00
Sabato 9/10: registrazione e apertura dei lavori
Domenica 10/10: chiusura dei lavori e assemblea sociale

Informazioni generali

Come raggiungere il LEA La Finora

In treno: Stazione di Grosseto o Follonica (linea Pisa-Roma); verrà organizzato a seconda del bisogno un servizio navetta.
In auto: Via Aurelia (uscita Gavorrano), attraverso la frazione di Bagno di Gavorrano si sale sino a Gavorrano, sulla sommità della collina si accede al Villaggio.

Alloggio:

Il convegno si terrà all’interno della struttura del LEA “la Finoria”, i partecipanti sono pregati di contattare direttamente il centro per prenotare l’alloggio, agli indirizzi seguenti:

LEA la Finoria
www.campeggiolafinoria.it
www.leatoscana.org

Il centro, che nella stagione estiva è a tutti gli effetti un campeggio-villaggio, dispone di 20 chalet in legno e muratura, con cucina e bagno. 4 chalet sono da 2-3 posti e 16 chalet da 4-5 posti. Inoltre, nei 7 ettari di bosco mediterraneo e castagneto ci sono circa 90 piazzole tenda e 5 piazzole camper-caravan.
Prezzi:
chalet 2-3 posti (100 € per 2 notti)
chalet 4 posti (135 € per 2 notti)

B&B Casa Marchi
www.casamarchi.it
Situato a Ravi, a meno di 2 km dal LEA, dispone di 6 camere da letto.
Prezzi:
25 € a persona (pernottamento e prima colazione)

– European Red List of Dragonflies

Pubblicata la “Lista rossa delle libellule europee”

Tutti i taxa di libellule presenti in Europa, complessivamente 137 specie e sottospecie, sono stati valutati utilizzando i criteri della IUCN. Il territorio sotto esame si estende dall’Islanda fino a Lampedusa. Delle specie esaminate il 15% è minacciato e un altro 11% è considerato quasi minacciato. Il rapporto completo (in lingua inglese) può essere scaricato QUI.

– Prima assemblea della Società Italiana per lo Studio e la Conservazione delle Libellule – ODONATA.IT

La Società Italiana per lo Studio e la Conservazione delle Libellule – ODONATA.IT –  è stata ufficialmente riconosciuta nel dicembre 2009.   Il 21 febbraio 2010 i soci si riuniranno in assemblea per discutere dei futuri progetti della società e delle linee d’azione da seguire nei prossimi anni. Questa assemblea è anche una prima opportunità per aderire alla Società. Prossimamente verrà messo a disposizione su questo sito un modulo d’iscrizione.

L’assemblea si terrà a Ferrara alle ore 10:00, presso lo Student’s hostel Estense. Chi volesse partecipare è pregato di comunicare la propria presenza, mandando una mail a info [at] odonata.it.

– Aeshna subartica – specie nuova per l’Italia

Aeshna subartica specie numero 91 dell’odonatofauna Italiana

In un biotopo dell’area del Monte Corno, il membro del Gruppo di lavoro per le libellule “LIBELLA” Alex Festi ha scoperto, in settembre, un esemplare di Aeshna subartica, specie finora mai segnalata per l’Italia.

Questa specie viene considerata come “specie gemella” della molto più comune Aeshna juncea con la quale condivide il comportamento, l’habitat e sopratutto l’aspetto generale. Ciò comporta che è in sostanza impossibile distinguere le due specie “a vista” e che, per individuare la più rara Aeshna subartica bisogna catturare molti esemplari e controllarne i caratteri distintivi. A tale circostanza probabilmente è ascrivibile il fatto che questa specie in Italia non era stata ancora individuata.

… Read More

close