Verdina orientale

Materiaux pour la faune des Odonates de l’Ukraine. Trav. Mus. zool. Kieff 7:141-147.

DESCRIZIONE

Di grandi dimensioni (corpo 44-50 mm) di colore verde metallico splendente, è molto simile a L. viridis, di cui era considerata una sottospecie. Si differenzia da quella per la forma delle appendici addominali superiori, che nei maschi presentano un piccolo dente anziché una lamina (cfr L. viridis) e sono annerite solo all’estremità. Le femmine possiedono 6-8 spine sul margine ventrale delle valve dell’ovopositore. Vedi foto differenza appendici:

ECOLOGIA

Vola da maggio a novembre. Come l’ affine L. viridis, con la quale può trovarsi in sintropia, si rinviene spesso sugli alberi prossimi ad acque ferme perenni o temporanee (apparentemente mai presso acque fluviali) dove i maschi si posano e le femmine ovidepongono (cfr L. viridis).

DISTRIBUZIONE

Apparentemente più rara di L viridis, è nota di Veneto, Emilia, Toscana, Lazio e Molise e, dalla Campania in giù, di tutte le regioni meridionali e della Sicilia.